Il solito dubbio

Quando finisci di leggere, o stai per finire di leggere, o hai appena iniziato a leggere, o stai pensando di leggere un libro, il più delle volte sei perseguitato da un dilemma, una perplessità, una domanda che trivella le cellule del tuo cervellino già martoriato da migliaia di pensieri e che difficilmente ti lascia in pace:
“E poi?”.
No, Giorgia e le sue lagne da scimmia urlatrice non c’entrano nulla. Con tutto il rispetto. Per le scimmie urlatrici, ovviamente.
“E poi?” è la domanda che si pone il lettore incallito quando viene assalito dall’ansia della scelta, da quale libro prendere in mano e divorare, una volta terminato quello la cui lettura è ancora in corso.
Siamo fatti così, noialtri. Siamo degli accumulatori compulsivi, paranoici e mai sazi, vogliamo sempre avere la libreria piena, debordante di roba ancora intonsa e, una volta pronti per l’estrazione del prescelto, preferiremmo che fosse lui a saltarci addosso, a autoestrarsi e compiere un balzo verso di noi come il più classico dei salmoni. Perché non siamo mai sicuri della nostra scelta, abbiamo paura che non sia lui, effettivamente, IL PRESCELTO.
Sì, è un po’ come vivere in una piccola Matrix de noantri, ma con meno effetti speciali e più crisi esistenziali.
Comunque, questo mio solito, incomprensibile preambolo è stato messo per iscritto perché oggi, come tante altre volte nella mia vita, mi trovo a dover estrarre un nuovo prescelto dalla mia libreria/comodino (leggi qua per rinfrescarti la memoria).
La scrematura l’ho già fatta, ora mi tocca fare le primarie per capire a chi toccherà l’onore di essere sfogliato durante le mie notti insonni.
In ordine assolutamente casuale, eccovi i tre pre-prescelti, a cominciare da:img_20160315_105825172.jpg
Perchè sì?
Che domande, perché Massimo Carlotto è Massimo Carlotto, una certezza come la morte, le tasse e l’inesistenza di dio. Di tutti i suoi libri che ho letto non ce n’è (ancora) uno che mi abbia fatto schifo. Ancora, appunto, e da qui arriviamo al dubbio.
Perché no?
Perchè c’è la paura di essere deluso, ma anche la delicatezza dell’argomento trattato, l’Argentina degli anni bui, i desaparecidos e la ricerca delle proprie origini, roba che di notte ti fa riflettere e stare male. Non so.

Passiamo a Paolo Panzacchiimg_20160315_10571004601.jpg.jpg
Perché sì?
Perché è bravo, scrive da dio e conosce la letteratura contemporanea molto, molto meglio del sottoscritto. Ha un argomento valido su ogni questione letteraria gli venga posta e non è mai banale in quello che dice e scrive.
Perché no?
Perchè, nonostante io sappia che quella che sto per dire è una stronzata, ho paura di essere deluso. Paolo è un caro amico, e la seppur recondita idea che il suo libro possa non piacermi mi fa stare male. Bel dilemma…

Concludiamo con un peso massimo, nel bene e nel maleimg_20160315_105757111.jpg
Perché sì?
Perché in materia di religione la penso come lui, da sempre, perché non sono mai abbastanza gli intellettuali che si schierano apertamente contro qualsiasi tipo di credo religioso, supportando le proprie teorie con dati reali. E questo saggio di Hitchens, a detto di molti che lo hanno letto, è un capolavoro.
Perché no?
Il nostro caro scrittore ateo, soprattutto negli ultimi anni molto alcolici della sua vita, ha avuto posizioni politiche abbastanza ambigue, arrivando a essere accanito sostenitore dell’invasione dell’Iraq e dell’Afghanistan, oltre ad aver votato per George W. Bush, e tutto ciò ai miei occhi risulta semplicemente folle, un insulto all’intelligenza umana.

Ora, io la mia presentazione l’ho conclusa, potrei dire che aspetto suggerimenti e consigli da voi, numerosissimi lettori di questo blog (si vocifera che il vostro numero sia sempre crescente, sembra che adesso vi si conti sulle dita di ben DUE mani, oddio!). Ma la verità è che non sono un democratico, in tema di libri, film, musica, sport, finanza, cucina, tempo libero, arte, punto croce, pulizia dei piedi, fotografia, telegiornali, birre artigianali, malattie imbarazzanti, serie tv, giardinaggio, igiene intima, nomicosecittàletteratestamento e tutto il resto, difficilmente mi affido agli altrui consigli. Come i politici nostrani, anch’io penso che le primarie siano una minchiata colossale, e, sempre come loro, le ho appena celebrate giusto per darvi un contentino e farvi sentire importanti.
La verità è una, sola è imprescindibile:
IL LIBRO È MIO E DECIDO IO!
E ho le idee molto chiare, come al solito…

(ho bisogno di aiuto, vi prego, ma non ditelo in giro…)

Gio, una certezza. O forse no. Boh.

 

 

Annunci

7 commenti

  1. greco concetta · · Rispondi

    io ti consiglierei quello sull’Argentina; non ti deluderà.

  2. Annamaria · · Rispondi

    Non per consigliarti per carità! Le saette di rabbia di un lettore egocentrico con l’io ipertrofico colpiscono anche da lontano e via internet sono micidiali dicono, comunico solo quello che farei io. Leggerei per primo il libro dell’amico, perché per quanto possa deluderti avrà sempre le attenuanti generiche concesse dall’amicizia. Attaccherei dopo quello di Carlotto perché l’argomento è terribilmente interessante e quando al mattino ti alzerai con gli occhi come le rane e l’alito come Berta e Raffo dopo un pranzo a base di croccantini scadenti, potrai sempre dire che non hai dormito perché è troppo angosciante. Non leggerei proprio l’ultimo perché quello che hai detto dell’autore (sono ignorante lo so, ma non lo conoscevo) me lo ha reso talmente antipatico che ho già dimenticato il nome e al posto suo leggerei qualcosa di Malaparte, La pelle, per esempio, che mi sembra tu non abbia ancora letto.
    PS. E io ora che leggo?!!!!

    1. Cosa leggerai non posso dirtelo, ti non consiglio, ancora una volta, l’ultimo libro di Patrick Fogli, visto che ti piace tanto andare sul leggero!

  3. Argentina! Dammi l’ispirazione per andarci…

    1. Ti devo dare l’ispirazione per andarci? Ma si parla di Plaza de Mayo e Videla, mica mi sarai diventato fascista pure tu!

  4. Giorgiodititty · · Rispondi

    Mi piace la voracità con la quale affronti libri, autori ed edizioni. Non riesco nemmeno a vedere i tuoi fanalini posteriori, tanto sei più veloce di me. Prima o poi riuscirò (forse) a leggere uno di questi autori che tu ammiri e che penso ammirerei con te. Intanto mi adeguo alla mia età e …ho appena riletto Furore di un sempre grandissimo Steinbeck. Però…sembra scritto il mese scorso…possibile? Allora è vero che la grande letteratura è fuori dal tempo! Penso che prossimamente acquisterò Dio non è Grande ….e lo leggerò pure.

    1. E io rileggerò Steinbeck quanto prima! Grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: