La razzìa

Il brutto di noi lettori, noi che amiamo i libri in tutte le loro forme, è che quando ci si presenta l’occasione giusta, beh, non ci tiriamo indietro, diventiamo peggio di un alcolizzato lasciato da solo in un negozio di liquori, diamo di matto.
L’occasione in questione, la mia, è stata un giretto di due giorni in Molise per salutare i parenti di mia moglie e per dare una ripulita a quella che una volta era la casa di mia suocera e dei suoi genitori (casa che, purtroppo, è ormai disabitata da tanto tempo).
La casa in questione, oltre ad essere chiusa per buona parte dell’anno, è anche piena di libri.
Libri che nessuno legge, che sono lì nei loro tristi scaffali a coprirsi di polvere, che vanno incontro a un infausto destino fatto di muffa e sbriciolamento progressivo, che nessuno amerà più…
Una notte, mentre leggevo la mia guida del Costarica (c’è tempo per farvi rosicare, tranquilli, ne parliamo tra qualche settimana) mi è sembrato di sentire una flebile vocina che si lamentava. Le vocina sono diventate due, poi cinque, poi un coro.
Erano loro, i libri abbandonati, che mi imploravano di non lasciarli soli, che facevano di tutto perchè dessi loro una seconda opportunità, che si sgolavano perchè ascoltassi i loro lamenti.
C’era il depresso: “Giorgio, non lasciarci qui a marcire, possiamo ancora insegnarti qualcosa…
Poi c’era quello più ruffiano: “Ehi, ma tu non sei il famoso LettoreDisoccupato? Ma si, sei proprio tu! Cazzo se sei bravo, leggo tutti i tuoi post, come mi piacerebbe fare parte della tua libreria…
Poi il finto indifferente: “Lasciatelo perdere, quello lì è buono a leggere solo robaccia contemporanea, figuratevi se si azzarderebbe mai a mettere il naso su Pirandello, o Verga… ssè!“.
Devo ammettere che per qualche momento mi sono sentito in imbarazzo, ero in una casa non mia, a desiderare roba non mia, perciò ho iniziato a fare quello che fanno i bambini quando non hanno il coraggio di chiedere ai loro genitori di comprargli un giocattolo.
Mi sono messo a guardare.
Poi ho iniziato a scrutare.
E dopo un po’, è venuto il momento di spulciare.
Ero già pronto a fare l’affondo decisivo, quando tutto è andato a puttane.
Giò, prendi pure quello che ti pare“, ha sbrigativamente detto mia suocera, umiliando (e liquidando) in 8 secondi la mia finissima e subdola tattica di lento avvicinamento agli agognati volumi di sua proprietà.

Inutile dire che non le ho neanche fatto finire la frase…

termoli

Questi sono per il finto indifferente

termoli2

Questi per il ruffiano…

termoli3

… e anche il depresso è stato accontentato.

Ora attendo con trepidazione che mi si chieda di fare un nuovo giro a Termoli, e nel frattempo confido che qualche amico, parente o affine mi chieda una mano per svuotare una soffitta, una casa, una cantina.
Perchè il lettore, quello vero, quando gli si presenta l’occasione giusta, diventa una bbbestia!

hulk2

Giò, il lettore senza ritegno…

Annunci

6 commenti

  1. Anch’io ho adottato nella mia libreria tanti libri abbandonati! Che soddisfazione, è anche meglio degli assaggi gratis delle bancarelle di alimentari…

    1. Adesso sto iniziando a comprarne anche nei mercatini, cosa che, per me, tempo fa sarebbe stata impensabile. Leggere tanto fa diventare più saggi, e la saggezza fa risparmiare soldi… e riciclare pensieri!

  2. Annamaria · · Rispondi

    Vieni a Napoli ti faccio fare un giro a Port’Alba, è vero che ha chiuso la storica libreria Guida, in compenso le bancarelle ci sono tutte

    1. Sarà mio onore farmi guidare da te!

  3. greco concetta · · Rispondi

    mi fa molto piacere che tu abbia così tanto apprezzato i vecchi libri di casa mia.La prossima volta ne prenderai degli altri. Buona lettura!!!

    1. Meno male che mi dai il permesso, ho messo gli occhi su un altro paio di titoli niente male…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: