Il perchè di tutto sommato

É passato un secolo da quel giorno in cui comprai questo libro.
Vivevo a Forlì.
Di giorno dormivo.
Di sera vivevo.
Di notte esageravo.
Ero il classico ventenne che brucia tutte le sue prospettive future rovinandosi, notte dopo notte, con un branco di filosofi alcolizzati che le loro prospettive future le avevano già bruciate da tempo.
Adesso, non è che fossi l’etilomane dannato che non riesce neanche ad alzarsi dal letto, diciamo che mi davo da fare, ma non nel senso in cui i miei genitori avrebbero sperato. Avevo tanti, tanti amici, di mille nazionalità diverse, ognuno dei quali aveva una storia da raccontare, un bicchiere da offrire, un libro da consigliare.
Una di queste persone, uno spagnolo dedito al calimocho (un beverone devastante composto da tavernello e coca del discount, una roba vomitevole!), tale Rafael, in uno dei suoi rari momenti di lucidità mi consigliò la lettura de Il perchè di tutto sommato, di Quim Monzò. Io seguii il suo consiglio solo molto tempo dopo, lo comprai…
monzo
…e fu subito amore.
Perchè è una raccolta di racconti brevi, veloci e pungenti, tutti slegati l’uno dall’altro.
Perchè, essendo una raccolta di racconti brevi, si presta benissimo alla lettura notturna (quella in cui, se sei stanco e hai voglia di leggere un paio di paginette, non devi prima recuperare il filo del discorso del romanzo che stai cercando di leggere da due mesi, ma del quale non ti ricordi nulla).
Perchè si parla di relazioni di coppia in maniera pungente, ispirata, per niente banale.
Perchè c’è la donna che fa di tutto per farsi sottomettere, c’è Cenerentola impunemente tradita dal principe, c’è lei che gli chiede “ma tu mi ami davvero?” dieci milioni di volte, c’è lui che le dice solo la verità e per questo verrà punito, c’è Tamar che ama l’uccello del suo uomo, ma non il suo uomo, c’è l’uomo blu, la cui moglie lo tradisce con l’uomo magenta, che dà consigli all’uomo magenta per liberarsi di sua moglie…
Perchè ci sono le versioni di alcune delle fiabe per bambini più famose (La bella addormentata, Cenerentola, Il brutto anatroccolo) riscritte secondo le vere regole del rapporto di coppia, e con finali inaspettati.
Perchè Quim Monzò scrive talmente bene che sembra che abbia vissuto mille amori diversi e li abbia descritti tutti perfettamente. Ma non è così, ed è per questo che è davvero bravo.
Perchè, in alternativa alla lettura notturna, Il perchè di tutto sommato potrebbe fare bellissima figura in una qualsiasi libreria da bagno.
Perchè l’ho riletto tutto in due ore, la notte scorsa, dopo che per anni avevo cercato invano di ricomprarlo (la mia copia era stata vittima dell’umidità in una maledetta soffitta che mi aveva distrutto altre decine di libri), ma era sempre fuori catalogo.
Perchè è molto divertente, racconta la coppia vissuta in mille modi diversi, e, senza accorgertene, ti ritrovi a cercare di capire quale delle storie descriva la tua, di coppia.
Perchè è, semplicemente, un bel libro.
E ce n’è tanto bisogno.

monzo1

Quim Monzò

Il soddisfatto Gio.

Annunci

4 commenti

  1. Annamaria · · Rispondi

    Ok! Aggiungiamolo alla lista dei libri da leggere

    1. Vale davvero, solo che è un po’ difficile da trovare. E so che tu apprezzerai.

  2. Facevo parte anch’io del branco di filosofi alcolizzati?

    1. No, tu eri nel ramo “politologi dediti alle erbe aromatiche”, di voi parlerò un’altra volta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: